ANALISI Verso 1: tripla negazione (nè più mai) per accentuare l'impossibilità del ritorno. a noi una sepoltura senza pianto. Tu Zacinto non avrai altro che la poesia del tuo figlio, a noi il destino ha ordinato una sepoltura senza lacrime (ossia una sepoltura in terra straniera, senza il pianto delle persone care). Foscolo nacque a Zante (Zacinto) nel 1778 , un’isola nel mar Ionio appartenente alla repubblica veneta. Foscolo, Ugo - A Zacinto (2) Testo della lirica con piccolo commento a seguire sul canto d'amore per la patria lontana, che la poesia rappresenta Foscolo, Ugo (3) Successivamente si trasferì con la famiglia prima a Spalato, dove compì i primi studi, e poi dopo la morte del padre a Venezia. siti, esercizi ecc. Tu, Zacinto, non avrai altro che questa poesia del figlio, o materna mia terra; (perché) il fato prescrisse . In essa vide sempre l’immagine della bellezza e dell’armonia classiche. altrettanti anelli di una catena. A te, Zacinto, o mia terra materna, toccherà una sorte diversa (da quella di Itaca che ha visto il ritorno di suo “figlio” Ulisse), avrai solo la poesia di questo tuo figlio (Foscolo); poiché il fato ha deciso per me una sepoltura non confortata dalle lacrime dei vivi (illacrimata), cioè in una terra straniera, in esilio. Foscolo pensa all'isola greca dove è nato e la celebra come patria ideale, come immagine perfetta di bellezza ispiratrice, così come ispirò il canto di Omero, Foscolo vede nei miti greci il suo destino e si riconosce in Ulisse. Zacinto mia, che te specchi nell’onde del greco mar da cui vergine nacque 5 Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di colui che l’acque cantò fatali, ed il diverso esiglio 10 per cui bello di … riassunti. Né più mai toccherò le sacre sponde : ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell'onde . A Zacinto fu scritto dal Foscolo a Milano nel 1802-1803.Foscolo era deluso da Napoleone in Italia e sconfortato dalla mancanza di una patria. tecnica, disegno tecnico. poemi cavallereschi , ciclo bretone, ciclo carilingio, castigliano. Verso 3: Mio, posto dopo Zacinto accentua il senso del possesso. tesine e presentazioni per esami 3 media (ricerche - ginnastica argomenti per tesine ecc.) a zacinto - e altre opere- ugo foscolo. A ZACINTO, Ugo Foscolo Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e … Analisi testuale della poesia “A Zacinto” di Ugo Foscolo (1802-1803) Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde La memoria dell'infanzia trascorsa a Zacinto (v. 2) sollecita la memoria del mito che narrava la nascita di Venere dalle acque del mar Ionio (vv. 4-5); le isole che vi si trovano, benedette dal sorriso di Venere, dea dell'amore e della fecondità, furono tanto amene e Ugo Foscolo nacque a Zante (o Zacinto) una delle isole Ionie, possedimento della repubblica di Venezia, da madre greca e padre veneziano. Il suo vero nome era Niccolò, ma egli preferì, forse per crearsi l’immagine di un personaggio cupo, essere chiamato Ugo. storia. scienze. orlando furioso - ariosto. matematica musica.